10

Dieci: The power of simplicity

Navigando su Internet ci si trova facilmente sommersi dalle informazioni.

I più tremendi sono i cosiddetti portali tematici, con le loro tonnellate di informazioni spesso non selezionate, disordinate, accatastate senza una logica precisa. Video, file pdf da scaricare, immagini, testi impaginati in modo orribile, contenuti spesso generici e poco stimolanti, decine e decine di link, banner, sezioni e sottosezioni. E’ il regno della quantità , non certo della qualità.

Viene da chiedersi: ma non è che questa abbondanza di dati ci confonda? Non è che corriamo il rischio di disperderci e di smarrire le precedenze, non capire più ciò che conta e ciò che è solo fastidioso rumore di fondo?

Riflettendo su questo punto sembrano molto azzeccati due suggerimenti che vengono da due libri stranieri, l’uno recentissimo, l’altro di forse 10 anni fa.

Timothy Ferriss, nel provocatorio “4 ore alla settimana” consiglia di darsi alle diete a basso contenuto di informazioni, oltre che a basso contenuto calorico. Questo permette di disintossicare la mente, mentre la dieta tradizionale ci disintossica il corpo.

Jack Trout, nel libro “The power of simplicity” descrive come spesso temiamo le idee semplici perchè limitandoci ad esse ci sentiamo indifesi; invece dietro la barriera di un concetto difficile, di un documento complesso, di una grande quantità  di informazioni ci sentiamo più a nostro agio, protetti. Di fatto siamo sempre più coinvolti in un continuo gioco a complicare le regole del lavoro, dei rapporti, della vita. Le radici della burocrazia non stanno anche qui?
Quale è il rimedio? Semplificare, semplificare, semplificare senza paura e di continuo, dandoci obiettivi precisi e stringenti. In questo modo tutte le nostre attività  beneficeranno del grande potere della semplicità.

Come disse molto efficacemente il promotore di un progetto innovativo di collaborazione profit-nonprofit: “Io penso che se una idea è semplice al 90% funzionerà; se invece nasce complessa io non aspetto, la cambio direttamente e vado oltre”.

Inseriamo il tema della semplificazione nelle nostre agende!

PC – C.E.

  Articolo precedente
«
 
  Articolo successivo
»